Home | Chi siamo | Cosa facciamo | Perché siamo nate | Spiritualità | La nostra storia | Libreria | Fondatore | Famiglia Paolina | Preghiere | Archivio | Links | Scrivici | Area Riservata | Webmail | Mappa del sito

 

 

 

 


Spiritualità   della  voce

 

Quale è il valore di una voce?
Se è Dio che parla,   la parola ha un senso;  se siamo noi che diciamo le stesse cose di Dio, usiamo le sue stesse lettere, sillabe, le nostre parole significano diversamente.
Forse il valore di un suono  si commisura con lo strumento   che lo emette.
Sicuramente la validità di una parola si commisura con la grandezza,   la santità di chi la pronuncia.


Giovanni gridava nel deserto   e la sua voce penetrava come una fiammella in uomini incrostati dal tempo,dalle preoccupazioni, dall’impegno di costruire una città duratura.
Voce  di  un  profeta  che sconvolge uomini  pietrificati.
La voce di Giacomo Alberione   non è rimasta chiusa con lui  nella bara. 
 La parola è viva,  fattiva.    La  parola non è prigioniera della morte.
Essa penetra dentro di noi, gli eredi,   e ricompone l’immagine di un uomo che si è fatto padre,
Un modo di vivere, di sentire,  di interpretare  il mondo, di servire la Chiesa.


La voce del padre chiama all’origine  della vita, agli inizi.
Se le sue parole  entrano in noi  rischiamo di sentirci in colpa.
La parola crea un rapporto, trasmette un messaggio, crea un’intimità,  un’unione tra chi parla  e  chi ascolta.
Nessuno può sentirsi addosso  una coscienza serena  se non sa ascoltare  chi parla.
Disprezza,  non stima.  E non rifiuta  una voce  ma una persona, una comunione  di vita.


Le larole di  Giacomo Alberione,  uno di noi ma il primo tra tutti noi, sono strapiene,   stracariche  di nettare.
Dure anche, perché troppo solide per i nostri gusti fini.
Non vuote, non di abbellimento.


Ti cadono addosso pesanti, come lo era la  gloria di Dio per un ebreo.
Giacomo Alberione non aveva la preoccupazione di far divertire o di far sorridere o di non fare annoiare.  Voleva comunicare Dio.
Ci è preziosa  la sua  memoria la voce di Giacomo e quella di Cristo si fondono in un’unica lama di luce, la spada di Paolo,  la voce di un profeta di oggi.

 

 

(dalle sue meditazioni)

 

 

 


La Voce di don Alberione

dal testo:

Meditazioni per Consacrate

Istituto

 

da pag.7 a pag.14

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

***

Apostolato e Voti

 

da pag.15 a pag.20

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

***

Triplice ordine
di meriti

 

da pag.21 a pag.29

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9

***

La consacrazione

 

da pag.30 a pag.39

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10


***

Obbedienza dell'anima
consacrata

 

da pag.41 a pag.50

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |9 |10


***

La preghiera

da pag.51 a pag.58

| 1 | 2 |3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

***


L'Istituto Maria SS.
Annunziata

 

da pag.59 a pag.66

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

***


Triplice prova

da pag. 67 a pag.74

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

***

 

 

 

 

 

(I file con la voce di Don Alberione sono tratti da Opera Omnia - per la ricerca e ascolto di altri file mettere - MCS 1976 )

 

 

Identità degli Istituti Secolari

da pag.75 a pag.81

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

***

Vocazione e apostolato

da pag. 82 a pag.89

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

***

Povertà

da pag. 90 a pag.97

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8

***

Castità e obbedienza

da pag.98 a pag.104

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

***

Per fare bene gli esercizi

da pag.110 a pag.115

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

***

La morte

da pag.116 a pag.122

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

***

Stato privilegiato

da pag.157 a pag.162

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6

***

Caratteristica degli Istituti secolari

da pag.164 a pag.170

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7

***

Voti e mezzi per osservarli

da pag.171 a pag.179

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9

***

La Madonna - l'apostolato

da pag. 180 a pag.189

| 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10

***

 

CANTI

Tecla
Alberione
Cristina
pudelko


***

torna su